------------------ELIMINATO L'IMPOSSIBILE,CIO' CHE RESTA,PER IMPROBABILE CHE SIA,DEVE ESSERE LA VERITA'!
 
Previous page | 1 | Next page

I NAVAIOS ( parte seconda )

Last Update: 6/21/2019 12:18 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 79,614
Post: 55,757
Registered in: 11/8/2008
Gender: Male
AMMINISTRATORE UNICO
6/21/2019 12:18 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote


La Serpentine Rainbow Goddess e Ouroboros


Circondato tutto intorno alla Montagna Centrale e alle quattro vette sussidiarie del mandala Navajo, abbiamo la Dea Arcobaleno, qui raffigurata come un serpente.

Questo Serpente Arcobaleno che circonda l'intera Terra è davvero l'Occhio Circolare. A volte è fatto doppio - come tutte le cose sono duali. L'oceano che circonda la terra ha la sua doppia (o replica microcosmica) nel fiume Oceanus che circondava Atlantide, così come le sue molte controparti in tutto il mondo.

Il grande cerchio dell'Oceano è rappresentato come un serpente gigante (l'Ouroboros). Si apre verso l'Oriente, in un ovvio riferimento alle Porte del Paradiso, che si trova verso quella direzione convenzionale. L'Occhio Circolare è anche mostrato esplicitamente nei mandala indù di Fig. 3, uno dei quali è il famoso Shri Yantra, in una rappresentazione stilizzata. Il loto in cima alla Sacra Montagna del mandala indù di Fig. 3 è in effetti il ​​Loto d'oro il cui significato esoterico viene esaminato altrove in dettaglio.

Il Loto Dorato è infatti il ​​"fungo atomico" della gigantesca esplosione vulcanica che distrusse il sito del Paradiso e alla fine ne fece affondare il terreno. Questo "loto" è la Colonna di Fuoco e Fumo che guidava gli Israeliti durante la loro fuga dal sito del Sinai, precisamente la stessa montagna che gli Indù chiamano Meru ei Greci chiamavano Monte. Atlante.

L'Occhio Circolare è, in realtà, lo stesso del Fiume Oceanus che circondava Atlantide, secondo la descrizione di Platone e altri. Questo fiume circolare (o canale, piuttosto) è una caratteristica classica delle descrizioni tradizionali dei Dvipas indù (Paradisi). Era, proprio come in Grecia, anche il fiume circolare dell'Ade che i Greci equiparavano allo Stige e agli Indù con l'infernale Vaitarani, poiché l'Atlantide sommersa tramutò veritabilmente dal Paradiso all'Inferno.



Mt. Meru e la montagna vorticosa


Chiunque abbia familiarità con la mitologia indù riconoscerà immediatamente che i suddetti Quattro colori - Rosso, Bianco, Giallo, Nero - sono quelli delle varnas indù (o " caste ").

E, in effetti, questi quattro colori rappresentano le Quattro Razze dell'umanità, che hanno avuto origine in Paradiso, almeno secondo la tradizione. La disposizione della Montagna Centrale (o Vorticosa) circondata da quattro picchi sussidiari nei mandala dipinti con sabbia navajo corrisponde anche a quella del Monte. Meru, fiancheggiato dai suoi quattro guardiani e le loro corrispondenti quattro cime montuose sussidiarie. In India, come con i Navajo , i Quattro Guardiani sono rappresentati anche come dei (Lokapalas), montagne, serpenti (Nagas) o uccelli (Garuda), che sono forme animali frequenti assunte da loro.

Inoltre, ciascuno dei quattro custodi indù è anche associato ad un colore araldica, in esatta corrispondenza ai Navajo quelli: Bianco, giallo, nero e rosso. Il rosso è il colore della morte e dello spargimento di sangue, che rappresenta la casta dei guerrieri. Questo è simbolicamente equivalente al viola o al blu, il colore associato alla morte per asfissia (annegamento, impiccagione, ecc.). Questa "morte" è l'annegamento di Atlantide-Paradiso trasformato in Ade, nel Regno dei Morti, dal cataclisma.

Gli altri tre colori corrispondono anche alle altre tre caste di Vedic India. Quindi è evidente che la tradizione indù in qualche modo è passata nelle Americhe, dove è stata universalmente utilizzata. Come si può vedere in figura 3, i quattro lati del monte. Anche i Meru sono colorati in modo simile ai Quattro Varnas. I quattro centri sussidiari (o guardiani) sono talvolta rappresentati dai quattro alberi mostrati in figura 2 o dai bufali (non mostrati) o, ancora da venti, sole, lune, pipistrelli (vampiri), fulmini, così come da spirale o da Serpenti in piedi che assomigliano a lampi a zigzag e fulmini globulari.

La Montagna Centrale è a volte indicata come una sorta di rosacea (o trifoglio a quattro foglie), con ogni foglia di uno dei quattro colori sopra indicati. Questa forma rosacea della Santa Montagna è anche frequente in India, dove è stata spesso identificata con il Loto o Rosa, un'altra allegoria della Creazione. Più esattamente, la Lotus allegorizza, come abbiamo appena detto, il "fungo atomico" dell'esplosione colossale del Monte. Atlas, quello che ha distrutto il Paradiso. È stata questa esplosione che ha fatto uscire i sopravvissuti e ha innescato il processo di Creazione ovunque, su scala mondiale.

La rosacea dei Navajo(e altre forme correlate) rappresenta davvero una piramide di quattro lati terminata da una base rotonda. Questa è una replica esatta del Monte. Meru of the Hindus, che è il vero archetipo di tutte queste piramidi o montagne a quattro lati provenienti da tutto il mondo. Mt. Meru è anche la montagna polare (o vorticosa), che gira al centro e sostiene i cieli, proprio come nel caso del monte. Atlas, the Pillar of the Skies, nei miti greci.

In altre parole, ciò che la Montagna vorticosa degli indiani Navajo rappresenta davvero è il Monte. Atlas , the Pillar of the World. E questo "pilastro", la Colonna del Cielo, è, come abbiamo appena detto, lo stesso della Colonna di Fuoco e del Taglio del Fumo. Sinai durante l'Esodo. Mt. Atlas è solo il nome dato dai greci al monte. Meru, la montagna sacra delle tradizioni vediche. Fu da questo innario e dai relativi miti indù che i Greci copiavano le loro tradizioni su Atlantide, già vecchie in India e Indonesia, quando la nazione greca non esisteva nemmeno come tale.

I greci tradussero come "Atlante" il nome indù di Atalas, un altro nome del Monte. Meru, la montagna del paradiso. Questa parola sanscrita significa qualcosa di simile a "sunken down", e fu resa nella lingua greca come Atlas, una parola anch'essa derivata da a-tla, che significa "quella che non ha (a) recita (tla)", che è all'incirca lo stesso etimo. Come è chiaro, i greci hanno copiato i loro miti su Atlante e Atlantide da quelli indù / indonesiani, che non sono solo molto più antichi,ma in effetti conforme alla geografia locale e alle tradizioni fattuali.

Quindi, la coincidenza non è solo delle tradizioni attuali, ma anche dei nomi stessi tra miti greci e indù. E la regione in cui il terribile evento ebbe luogo in realtà era l'Indonesia, il vero sito dell'ex paradiso indù (Atala) trasformò l'inferno.

Cos'altro possiamo concludere se non che la tradizione di Atlantide deriva davvero dalle Indie e che è lì che dobbiamo cercare Atlantide-Eden e l'origine dell'umanità e della civiltà?



I quattro guardiani e i Lokapala


In alternativa, in altri mandala Navajo , i Quattro Guardiani sono rappresentati come Quattro Soli, Quattro Lune (identici) o come due coppie di Sole e Lune. Queste quattro figure sono chiamate Gente del cielo e sono equiparate a Dawn, Blue Sky, Yellow Evening Light (Dusk) e Darkness. Queste sono in effetti le quattro direzioni cardinali: Oriente (o Est), Occidente (o Ovest), Mezzogiorno (o Sud) e Oscurità (Nord). Più esattamente, corrispondono ai quattro angoli del mondo. 3

I quattro alberi sono gli alberi della vita rappresentati da quattro piante addomesticate provenienti dal paradiso centrale. A volte, tutti e quattro sono alberi di mais (mais), l'albero sacro della maggior parte degli amerindi. Notiamo che, in Fig. 2, le montagne sussidiarie sono attraversate da due diametri perpendicolari. Questo emblema corrisponde al simbolo tradizionale del pianeta Terra, così come alla cosiddetta Croce di Atlantide, in quanto corrisponde alla forma della capitale dell'impero descritta da Platone .

Gli "Alberi della vita" che spuntano dal paradiso dei Navajoritraete vividamente il fatto che l'agricoltura e le piante e gli animali addomesticati - le cui misteriose origini sono uno dei più grandi enigmi dell'umanità - hanno avuto origine in Atlantide Lemuriana, nell'Eden o nel Paradiso. Da lì i Navajo arrivarono, all'alba dei tempi, dalla Grotta Primordiale sepolta sotto la Montagna Santa e trasformarono il Regno dei Morti, l'Ade Paradisiale o Amenti o Xibalba o simili, che in seguito i giudeo-cristiani trasformarono in uno Sheol infernale .

Più esattamente, la figura ritratta nel mandala in questione rappresenta la stessa forma sopra menzionata, quella di una piramide a quattro lati con una base rotonda che è la forma peculiare del monte. Meru. Apparentemente, questa forma era una resa idealizzata del Monte. Everest, che ha approssimativamente la forma piramidale.

A livello simbolico, questa piramide a base circolare rappresenta la "quadratura del cerchio", qui allegorizzata dalla riunione serendipitosa delle due geometrie incongrue, la base circolare e il piano quadrato. Questa strana forma che combina incongruenze si trova anche nelle Indie, ad esempio, in certe pagode antiche che illustrano la Montagna Dorata del Paradiso (Monte Meru), esattamente come con la Montagna Rotante degli indiani Navajo.



The Whirling Mountain of Paradise


La Montagna Centrale in Fig. 2 ha un cerchio centrale che rappresenta un cono piatto o, piuttosto, un cratere vulcanico.

Questo flat-top è anche una caratteristica del Monte. Meru (il loto ") e rappresenta la" decapitazione del Paradiso "che viene commemorato nelle mitologie del mondo.Alcune volte, questa cima piatta centrale è rappresentata da un vero e proprio falò al centro del diagramma.In alternativa, è rappresentato convenzionalmente da un croce rossa nel centro esatto del mondo, cioè in cima alla vorticosa montagna del paradiso .

Come in India, l'idea è che la montagna vorticosa rappresenti la montagna polare , posta nel centro esatto del mondo, direttamente sotto la stella polare , infatti questa allegoria universale - che ha senso solo in India - è un riferimento esoterico ai Tara-milas (i Dravida o Tamil), un nome che significa "Gente della stella polare ".

La ragione di questo nome deriva dal fatto che i Dravida identificarono il loro Dio Supremo - Shiva Sthanu, la Colonna del Mondo - con la Stella Polare ( Canopo ), che utilizzarono nelle loro navigazioni celesti in tempi di Atlantide.



La stella polare e la vorticosa montagna del paradiso


La stella polare in questione era la stella polare del sud dell'epoca, Canopo, che i greci identificarono con Atlante e gli egiziani con Osiride come Djed, la "colonna del mondo". La collocazione della Santa Montagna del Paradiso - Mt. Atlante o Meru o Montagna vorticosa, ecc. - direttamente sotto la Stella polare è, ripetiamo, una semplice allegoria, una rappresentazione puramente simbolica della sua associazione con i Tara-milas o Dravida, e con il loro grande dio, lo pseudonimo del Stella polare.

I ricercatori che insistono nel collocare Atlantide e / o Lemuria nelle regioni polari dell'Antartico e dell'Artico - contro il buon senso e contro le massicce prove scientifiche contrarie all'idea di Pole Shift - commettono un errore gravissimo. Abbiamo sentito che il principale fautore dell'idea di Pole Shift, John White(Pole Shift, Berkley Books, New York, 1980) ha scartato quella nozione assurda e anti-scientifica. Forse i suoi seguaci, che hanno ottenuto l'idea sgraziata dal defunto Charles Hapgood , dovrebbero anche seguire l'esempio dei loro precursori. Il lettore serio è spinto a scartare una così assurda assurdità, che può solo danneggiare la causa di Atlantide e portargli discredito. Dopo tutto, "non puoi ingannare l'intero popolo per tutto il tempo", puoi?

La stella polare era spesso equiparata alla stella del mattino. Più esattamente, abbiamo quindi avuto stelle gemelle, una stella nord ( Vega ) e l'altra stella meridionale ( Canopus ). Questi erano rappresentati come i gemelli di tutte le mitologie e, in particolare, le gemelle delle tradizioni navajo. In Egitto, ad esempio, le stelle gemelle dei tempi di Atlantide, Vega e Canopo, furono identificate con Hathor e Horus (il Vecchio), o, anche se più confusamente, con Iside e Osiride.

In epoche successive, dopo la caduta di Atlantide, anche questi due dei gemelli furono equiparati a Sirio e Orione. In Grecia, i Gemelli venivano spesso identificati con Atlante ed Espero, identificati essi stessi al Mattino e alle Stelle della Sera e, più esattamente, alle Stelle Gemelle dei tempi di Atlantide, Vega e Canopo. Questi gemelli, come quelli dei Navajo e di altre nazioni, personificavano i due paradisi primitivi, distrutti, Atlantide e Lemuria. 4



Il Whirling Mountain è davvero un vulcano


Fiery Mountain (o Hogan) è in realtà un picco vulcanico con il suo cratere centrale. È anche una rappresentazione convenzionale del Monte. Meru come la montagna vuota che collega il paradiso all'inferno. Come nel simbolismo indiano, vediamo che il dio sole Navajo è in realtà Agni, il principio del fuoco, incarnato non solo nel fuoco ordinario, ma nel fuoco sotterraneo (magma vulcanico). In alternativa, Agni è rappresentato anche come Fuoco Celestiale (fulmini, meteoriti, il Sole). Queste tre modalità di fuoco sono le tre forme di Agni del misticismo indù. Corrispondono anche a Shiva Trikaya ("Tre Corpi") e, nei miti greci, al gigante a tre corpi Geryon, un alias di Atlante.

Così, quando affermano i Navajos che sono usciti dalla Casa del Sole o dall'interno di una grotta che rappresenta l'Inferno, stanno in effetti dicendo che provenivano dall'Indonesia, il vero sito dell'Eden, posto proprio al Centro (o "Navel") della Terra. Questo Paradiso distrutto si trasformò in un vero inferno, afflitto dalla peste e sterile, dopo che fu devastato dall'esplosione vulcanica molto più feroce di quella del Krakatoa nel 1893.

Questa eruzione esplosiva che abbiamo già discusso sopra in connessione con la "schiuma" o " seafroth "(pomice) che copriva i mari di Atlantide dopo il cataclisma che lo distrusse. Infatti, i riferimenti alla schiuma (o "seafroth") si collegavano sia con Venere che con Donna che cambiava, come abbiamo detto sopra,in realtà si riferiscono alla grande quantità di pomice che copriva sia i mari che la terra dopo l'esplosione cataclismica di quel vulcano.

Questo manto di ceneri vulcaniche formava una sorta di sudario, avvolgendo il cadavere del Paradiso, asfissiando tutte le forme di vita per secoli e secoli. Questo terribile evento è infinitamente riferito a miti connessi con la distruzione del Paradiso, nella cosiddetta Gerogliologia Cosmica di Fuoco e Acqua. Questi banchi galleggianti di "seafroth" (pomice) formavano la "barriera invalicabile della melma" (ilus o "spuma", in greco) menzionata da Platone come copertura dei mari di Atlantide e rendendoli inavvertibili in modo più o meno permanente, come abbiamo commentato sopra.



I Pueblo, gli Hogans ei Tepee come vulcani artificiali


I Navajo spesso raffigurano la Montagna Centrale (o la Casa del Sole) come una specie di abitazione inserita dall'alto tramite una scala, esattamente come le attuali case degli indiani Pueblo e quelle di Çatal Huyuk. Non può esserci alcuna questione di coincidenza qui, e siamo portati a concludere che queste strane abitazioni in realtà tentarono di imitare la Grotta Primordiale, cioè la caldera vulcanica che si collegava agli inferi da cui presumibilmente sarebbero arrivati ​​questi indiani.

Cos'altro, se non Atlantide, può essere questo inferno più o meno reale di Atlantide paradisiaca incavata? Riesci a pensare ad un'allegoria più adatta per il continente sommerso rispetto a quella della Grotta Primordiale? Questa grotta è anche il Pacari-Tambo delle tradizioni Maya, la Grotta degli Archetipi di PlatoneIl mito, la caverna delle illusioni del Ramayana e di cento tradizioni simili provenienti da tutto il mondo. E, naturalmente, questo Paradiso sommerso e sepolto non è altro che Atlantide e, più esattamente , Lemuria , gemello e gemello.

Quindi, gli stessi indiani affermano che originariamente provenivano da Paradise Sunken, da Lemurian Atlantis, all'alba dei tempi. Questo è esattamente come sosteniamo anche con allegorie leggermente diverse. Perché insistiamo nel negare questo fatto, ma con l'intento che originariamente lo sottintendeva, quello di privare gli indiani e gli altri aborigeni della loro umanità e, persino, della loro origine divina, così da poterli schiavizzare e sfruttare come abbiamo fatto tradizionalmente e continua a farlo anche oggi?

In realtà, gli hogan dei Navajoassomigliano anche a una sorta di vulcano, costruito con fango e bastoni per assomigliare a un picco di montagna rotondo con un fuoco all'interno (la stufa centrale). I tipici tepee degli indiani delle pianure somigliano anche ai vulcani, essendo di forma conica con uno sfiato in cima per far uscire il fumo del fuoco interiore. A proposito, la parola hogan deriva dal significato spagnolo "stufa", e implica un'idea di "vulcano", proprio come la parola "teepee". 5

L'idea di una devastazione ardente connessa con i vulcani è anche evidenziata dal fatto che la Casa del Sole viene prima dipinta con fuliggine ottenuta da erba bruciata e ricoperta con gli altri colori. Inoltre, il suo posto è spesso descritto come immerso in una perenne nebbia e oscurità, come quelle che derivano da un'esplosione vulcanica di importanza.



The Mountain Fallen Away


Come abbiamo visto sopra, la Montagna Centrale è anche chiamata "Montagna caduto" o "Cielo che arriva-butte". Il rituale per la costruzione della figura di questa butte è descritto così:

Questo butte non è costruito con qualcosa di comune ... In primo luogo, l'argilla per le pentole è incorporata in un cono affusolato, ma non a un punto ...


Dopo che questo è stato fatto, ... il nero delle erbe bruciate viene spruzzato sopra, per rappresentare l'oscurità ... Sulla cima piatta c'è un piccolo cerchio nero e, attraverso questa, una croce rossa che rappresenta il fuoco all'interno.

In altre parole, abbiamo una miniatura esatta di un picco vulcanico coperto da fuliggine e avvolge fumo scuro. Possiamo confrontare le tele di sabbia Navajo con quelle dei Maya, mostrate nella Figura 4 di seguito. Questa cifra è presa da un codice Maya. Tranne che per il diverso stile, la concezione è esattamente la stessa di quella del mandala navajo di Fig. 2. Ai quattro angoli, abbiamo i quattro alberi della vita, ognuno dei quali ha due Guardiani, ognuno con un uccello seduto in cima, esattamente come in certi dipinti di sabbia navajo.


Al centro del mandala - il centro del mondo - abbiamo la figura di un guerriero che brandisce un fulmine a tre denti (o vajra). Questa figura evoca da vicino i simili di Zeus e Shiva, anch'essi a tre punte. Questo guerriero è il Sole o, forse, il suo "figlio", che è davvero il suo avatar rinnovato. E il vajra a tre punte (fulmine) brandito dal personaggio è davvero la Trikuta della montagna a tre punte, la stessa del Monte. Meru, la Santa Montagna del Paradiso.

Nella nota precedente abbiamo visto come, in India, le parole per "fulmine" (ulka) e per "vulcano" (ul-kan) siano più o meno sinonimi. Quindi, il dio che brandisce il fulmine qui rappresentato è in effetti una personificazione della tripla montagna vulcanica del paradiso (Trikuta).

Un tale gioco di parole visivo - che non si ottiene nelle lingue amerindie o in altri - può aver avuto origine solo in India. La conclusione è anche che i temi simili nelle altre mitologie del mondo sono di conseguenza di origine indù, a meno che non si ottengano prove contrarie.

Il nome di "Mountain-fallen-away" è una traduzione diretta degli originali indù che figura in innumerevoli miti sotto nomi come quello di "Decapitated Mountain". Questa montagna non è altro che il monte Meru o, più esattamente, Mt. Kumeru, la Santa Montagna del Paradiso. Il nome in questione è anche una traduzione esatta di quella del Monte. Atlante, che è formato dal prefisso greco un significato "non" e il radix tla, che significa "sopportare", "resistere". 6

In altre parole, il nome di Mt. Atlante significa infatti "colui che non ha resistito" o, che cosa è la stessa cosa, "la montagna che è caduta" (è crollata), proprio come quella dei Navajo . A sua volta, il nome greco di Atlante deriva direttamente dal sanscrito Atala o Atalas, il nome di un paradiso sommerso indù che ha esattamente lo stesso significato e che era l'archetipo reale di Atlantide.



I gemelli e la montagna del cranio degli Aztechi


Primordiale gemelli sono, analogamente, le figure centrali del Popol Vuh , la classica saga Maya. Anche i Maya hanno i quattro guardiani (chiamati bacab) che equivalgono ai quattro cavalieri dell'Apocalisse. Parlano anche, come fanno gli indù e i Navajo , delle quattro (o cinque) ere dell'umanità, ciascuna corrispondente a uno dei guardiani.

Un mandala azteco simile a quello dei Navajo e degli indù è mostrato in Fig. 5. In esso, la Montagna Centrale è sostituita da un teschio, anch'esso collocato al centro del mandala. Questo Skull Mountain corrisponde a quello formato dal cranio di Dadhyanch, nei miti indù, e da quello di Adamo nella mitologia giudeo-cristiana.

Si dice che il teschio di Adamo, come quello di Dadhyanch, il suo archetipo, sia caduto dal Paradiso in alto. Cadde nel centro di Gerusalemme, a sua volta il Centro del Mondo, e formò il Monte. Golgota o Calvario ("Teschio"). Il cranio di Adamo fu in seguito trovato ai piedi della Croce di Cristo quando fu scavato il suo terreno per fissare la Croce a terra.

Come nelle tradizioni appena menzionate, i Maya hanno una grande venerazione per la Skull Mountain , che essi associavano ai teschi di cristallo che adoravano, e di cui furono trovati magnifici esemplari all'interno dei templi maya e delle piramidi. È interessante notare come il teschio di Adam , come quello di Dadhyanch, fosse fatto di cristallo di quarzo o, piuttosto, di diamante cristallino, il cui nome greco è proprio Adamas ("Untamable"). Coincidenze? Puoi davvero crederci?

È interessante notare che la Skull Mountain of the Aztecs è anche sormontata da una croce, proprio come lo è anche quella dei Navajo e quella dei Maya mostrata sopra. Esistono molte altre somiglianze tra i simboli cosmogonici amerindi e quelli del mondo antico. Ma la loro discussione è lasciata per un'occasione migliore e un'arena più discreta, perché certe cose non possono essere raccontate a tutti. Tuttavia, ciò che abbiamo appena visto, è sperabilmente sufficiente a convincere il lettore della realtà di ciò che rivendichiamo riguardo alla realtà di Atlantide-Eden.

Infine, torniamo ai mandala indù-tibetani discussi più oltre. Questi mandala vengono solitamente eseguiti dipingendo (su tela) o, più spesso, con pitture a sabbia identiche nella tecnica a quelle dei Navajo e dei Pueblos. Questo tipo di mandala indù - come quelli mostrati in Fig. 3 sopra - è chiamato Mandala Shveta-Dvipa (o "Terra Pura") o, ancora, Mandala di Kalachakra ("Wheel-of-Time"). 7 Questi rappresentano, così come gli amerindi appena discussi, Mt. Meru come la Montagna Centrale del Paradiso. Più spesso, Mt. Meru è mostrato come una piramide a quattro lati con gli stessi quattro colori di quelli dei mandala Navajo . In alcuni casi, il monte Meru è rappresentato come un cono o una piramide a quattro lati fiancheggiata dai suoi quattro picchi sussidiari, proprio come nei mandala amerindi.



Questi quattro picchi sussidiari rappresentano i quattro pilastri della terra. Questi sono collocati ai suoi quattro angoli, attorno al pilastro centrale, sul monte. Atlas, the Pillar of Heaven. In termini reali, i Quattro Pilastri sono le Colonne d'Ercole, collocate due nel Far Occident ( Gibilterra ) e due nell'estremo Oriente ( lo Stretto di Sunda, in Indonesia ). Nella mitologia egiziana, questi quattro pilastri sono rappresentati singolarmente come i quattro membri della Nut (la Dea del Cielo) piantati a terra, e due in Oriente, due in Occidente, proprio come nel caso presente.

Cos'altro, se non la diffusione, può spiegare questa perfetta identità nel design, nel significato simbolico e persino nella tecnica della resa (pittura a sabbia) tra i mandala dei due continenti lontani? Qualcuno può davvero credere che questa singolare coincidenza possa essere attribuita al caso o, peggio ancora, a una caratteristica innata del cervello umano, impressa nell'inconscio umano, come alcuni lo faranno? Se è così, perché le altre nazioni molto più vicine nel tempo e nella distanza rispetto a quelle di cui stiamo discutendo non hanno mai centrato le stesse idee e concetti?

Inoltre, se questi archetipi fossero stati in qualche modo impressi, tranne che miracolosamente, questa impronta potrebbe essere solo il risultato di un'osservazione diretta di fatti reali, abbastanza scioccante da essere impressi così profondamente nelle nostre menti. Ma poi, Atlantide, molto più del puro mito, è pura realtà. Se è così, è sicuramente il più memorabile. Quindi, in un modo o nell'altro, secondo noi, la tradizione di Atlantide e, quindi, del Paradiso, non può che corrispondere a fatti reali. In quale altro modo possiamo accettare la sua presenza centrale nelle tradizioni di essenzialmente tutte le nazioni del mondo, dalle giungle amazzoniche ai deserti del Nord Africa e dalle Indie al lontano continente europeo?



An Ancient Technique of Projective Geometry


Un ultimo punto che desideriamo commentare è, ancora una volta, quello della tecnica. Tecniche sofisticate come la pittura a sabbia o la geometria proiettiva non sono quasi mai il risultato di invenzioni diverse e indipendenti. La loro presenza di solito significa transfert, attraverso il contatto diretto. Un confronto ravvicinato dei mandala mostrati nelle nostre figure rivela un fatto peculiare. Tutto viene fatto per mezzo di una tecnica di Geometria proiettiva chiamata "proiezione laterale" o "alzata laterale". Le quattro aree laterali sono incernierate ai lati e sono mostrate nella vista frontale, piuttosto che dall'alto, come nel caso della caratteristica centrale.

È piuttosto improbabile che una tale resa tecnicamente sofisticata e altamente convenzionale possa essere tramandata dalle generazioni come una semplice memoria innata, risalente alle ere primordiali dell'umanità. Inoltre, questa tecnica, come mostrato sopra, si applica esclusivamente alla raffigurazione del Paradiso come Centro Primordiale e, per quanto ne sappiamo, a nessun'altra situazione.

Anche la Gerusalemme Celeste - un altro Centro o Paradiso - è rappresentata secondo questo modo particolare di proiezione. Così sono alcuni paradisi indù come Vaikuntha (il Paradiso di Indra), che è chiaramente l'archetipo della Gerusalemme Celeste.

Quindi, ancora una volta, siamo portati a respingere qualsiasi spiegazione delle notevoli coincidenze mostrate sopra sulla base di "archetipi innati" o "rivelazione soprannaturale". In effetti, abbiamo davvero un caso di "rivelazione" qui. Ma gli "Angeli" o "Gli eroi della civiltà" sono davvero molto reali, e non sono affatto un'invenzione dell'immaginazione di qualcuno. Sono tutti troppo umani e si sono innamorati disperatamente delle figlie degli (altri) umani, i sopravvissuti del cataclisma che ha distrutto e affondato Atlantide, il vero sito del Paradiso.

Naturalmente, questo Paradiso - chiamiamolo Atlantide, Eden, Yvymaraney, Aztlan, Atala o Terra del Sole - non fu trovato prima, perché affondò nel Diluvio, e scomparve di fatto, proprio come detto nella Bibbia. Ma sopravvisse nell'immaginazione dell'uomo, nelle religioni e nelle tradizioni sacre di ogni luogo. Questo luogo benedetto era chiamato il paradiso terrestre e non ha nulla a che fare con l'immaginario paradiso celeste promesso ai morti dalle religioni ufficiali e che è una realtà puramente spirituale.

Di nuovo, come questo Paradiso, Atlantide, non è stato ancora trovato fino ad ora. Ma questo non è perché non esisteva o non lasciava tracce di sorta, ma perché è stato cercato nei posti sbagliati, nella parte opposta del mondo, da dove effettivamente giace. Infatti, come affermano tutte le tradizioni, se correttamente interpretate, quell'Atlantide-Eden giaceva davvero nella Terra di Dawn, l'Isola di Fuoco che è anche quella dei vulcani, di Sati (o Dawn o Vesta), la Grande Madre che si è suicidata gettandosi nel funerale rogo di suo marito. E questa bellissima allegoria - che è stata trasformata nel rituale indù di sati ("sutee") che tanto ha scioccato gli europei in India - è semplicemente una personificazione dell'incendio primordiale di Atlantide da parte del suo ardente vulcano.



Cerca, e troverai


L'unica spiegazione praticabile per l'identità delle tradizioni Navajo e di quelle dell'India e dell'Indonesia è quella naturale di diffusione. E, come illustrato nei loro stessi mandala, questa diffusione inizia da un centro; proprio il Centro ritratto lì. Qualsiasi altra tentativo di spiegazione può solo portare al paradosso e all'oscurità, come tutti hanno fatto finora.

Ma, se il Centro - il cosiddetto Paradiso Terrestre - esistesse davvero, perché non accettare ciò che la Tradizione ossessivamente ci dice, e adotta i nomi tradizionali come Atlantide, Lemuria, Eden, le Isole del Beato, e così via? Perché respingere la realtà di questi luoghi solo perché riteniamo gli indigeni stupidi e maliziosi, e rifiutiamo di accettare le loro sante tradizioni come fatti veri? Il fatto che abbiamo dimenticato le nostre tradizioni - quelle che ripetiamo meccanicamente nei nostri rituali religiosi, come le scimmie, come una specie di Culto del Carico - qualcosa a che fare con il nostro disprezzo nei loro confronti? O temiamo di essere considerati ancora più stupidi degli indigeni che opprimiamo e derubiamo, non solo dei loro possedimenti, ma anche delle loro tradizioni religiose, costringendoli ad accettare i nostri bianchi suprematisti, giudeo-cristiani?

È ovvio che tutti i nostri tentativi di localizzare questi luoghi santi nell'Estremo Oriente o nel Medio Oriente hanno finora fallito miseramente. Perché no, quindi cerca nei punti giusti, in Estremo Oriente, così chiaramente menzionato nella Bibbia e altrove? È in India e in Indonesia che si trovano Atlantide e Lemuria , i due centri della civiltà primordiale, e da nessun'altra parte.

Se davvero vogliamo trovare il sito del Paradiso - l'impresa suprema di tutti i veri grandi saggi del passato - dovremmo fare ciò che hanno fatto gli Eroi e cercarlo nelle Indie. E se lo facciamo, scopriremo, come surplus, che tutti gli antichi paradisi non sono che uno, quello di Eden, nella regione dell'India e dell'Indonesia. La maggior parte è affondata, come facciamo altrove. Perché tutte le vere tradizioni sono una sola: la Tradizione Primordiale che ci è giunta dall'alba dell'umanità come eredità dei nostri antenati di Atlantide.

E questa Tradizione è quella dell'Eden o dell'Atlantide, proprio come riferito da Platone. Perché dovremmo persistere nel ritenere il paradiso e l'Atlantide irreali - una menzogna autentica dei nostri antenati dei vecchi e degli stupidi nativi - quando tutte le prove geologiche, geofisiche e antropologiche indicano inequivocabilmente che effettivamente esisteva?

Come può qualcuno credere seriamente che i bellissimi mandala dipinti con la sabbia degli indiani Navajo e le loro molte controparti simboliche nelle Americhe e altrove rappresentino la Santa Montagna del Paradiso esattamente nello stesso modo, la stessa geometria sacra, lo stesso simbolismo e le stesse tecniche ( la pittura a sabbia, proiezione a "prospetto laterale") può aver avuto origine indipendentemente da quella dell'India e dell'Indonesia?

L'unica spiegazione alternativa è attraverso l'ispirazione divina. Ma perché Dio ci ingannerebbe e ispirerebbe un paradiso che non è mai stato se non nelle nostre più selvagge speranze? Io, per esempio, mi rifiuto di credere che Dio ci ingannerebbe e ci ingannerebbe con illusioni e chimere irreali, solo per divertimento. Perché la Bibbia dice, proprio come le tradizioni navajo , di un paradiso terrestre, se esiste solo nel non-mai-terra del paradiso. Come mai le due lontane tradizioni hanno inventato la stessa menzogna sui lati opposti del mondo, indipendentemente e più o meno simultaneamente?

Più esattamente, questa enorme massa di prove punta verso l'estremo oriente, la vera Terra dell'Alba, la Terra dell'Aurora, la nostra alba, l'alba dell'Umanità. Lì il Sole della civiltà e dell'intelligenza salì e brillò, con la luminosità di un migliaio di soli, splendente e rovente come il vulcano che più tardi lo distrusse irreparabilmente.

Lì la Fenice si svegliò e si alzò, attraversando l'ancestrale Eliopoli nelle sue repliche altrove, in Egitto, nel Vicino Oriente, in Polinesia, in Europa e persino nelle lontane Americhe, come abbiamo appena visto.




Riferimenti



1 L'origine della parola latina Missa, da cui la "Messa" inglese ha avuto origine attraverso la Messe francese è oscura. Alcuni sostengono che provenisse dalla formula Ite, Missa est, pronunciata dal sacerdote officiante alla fine della Messa, quando i catecumeni furono licenziati. Ma il fatto è che, anche se questa origine è accettata, la parola si riferisce all'idea di "emissario", "inviato" (missus latino, emissus, relativo a "emissario", "missione", ecc.). Crediamo che la parola sia anche esotericamente connessa con il nome del Messia e con l'idea di "Mistero", e con feste come i Misia, i rituali del Mistero celebrati in onore di Cerere, in Grecia ea Roma, per commemorare l'occasione in cui la dea si mise a vagare per il mondo intero alla ricerca della figlia vergine scomparsa, Kore.

Ancora una volta, la parola Missa si collega anche con il messis latino ("crop") e con l'idea di Natale, quando il Salvatore ci è stato inviato. Il significato mistico è che i Celestial Envoys (Missi o Mystes) sono stati inviati ai quattro angoli del mondo in occasione del Great Crop (Messis), quello di Atlantis-Paradise. Cerere (Demetra) è in effetti una personificazione di Lemurian Atlantis (Paradiso), la "Vergine" (Kore) è scomparsa sottoterra. E questo evento memorabile ebbe come risultato la diaspora degli Atlantidei, che uscirono come emissari (missus) e Messias per civilizzare il mondo intero. Lo spazio non consente un'esegesi più piena di questo argomento complesso qui.


2 Alcuni di questi bellissimi mandala possono essere visti in determinati siti su Internet o in libri come:

- FG Newcomb; G. Reichard, Sandpaintings of the Navajo Shooting Chant (N. York, 1975)
- MM Rhie; RAF Thurman, Wisdom and Compassion, the Sacred Art of Tibet (N. York, 1991)
- P. Rawson, The Art of Tantra (Londra, 1973)

Il significato dei mandala è molto raramente rivelato ai non iniziati, in particolare nella sua connessione con il Paradiso e con la Montagna Santa (Meru). I loro aspetti più semplici possono essere studiati in molti libri, i migliori dei quali sono, a nostro avviso:

- G. Tucci, Teoria e Pratica del Mandala (Roma, 1969)
- D. Maclagan, Creation Myths (Londra, 1977).


3 In realtà, i quattro angoli del mondo corrispondono ai quattro continenti (Eurasia, Africa e le due Americhe). Il quinto (e continente virtuale) è quello che corrispondeva ad Atlantide, e che è quello che i geografi chiamano ora Australasia o, molto meno esattamente, Austronesia o Oceania. L'Australasia è l'enorme estensione continentale della terra a sud del sud-est asiatico che affondò sottosuolo alla fine del Pleistocene, quando il livello del mare salì di 100-150 metri in seguito allo scioglimento degli immensi ghiacciai che coprivano la Temperata Regioni quindi.


4 Canopus (Alpha Carinae) era la stella polare meridionale circa 14.000 anni fa, mentre Vega (Alpha Lyrae), la stella principale dell'emisfero settentrionale, era la stella polare nord della stessa epoca. Questa era l'epoca della fondazione di Atlantide, come dimostriamo altrove nei dettagli per mezzo di rigorosi calcoli astronomici basati sul computer. I Dravida di quell'epoca - o, più esattamente, gli Atlantidei - navigarono in alto mare orientandosi con l'aiuto di queste due stelle polari, così come con "Canopic Jars".

Questi "barattoli" erano in effetti una forma intelligente di sestante, bussola e clepsydra di eccellente precisione. Quindi, l'associazione di Atlante e Atlantidei con la navigazione e con il Polo e i sostegni gemelli dei cieli. Vega, la stella polare nordica, è la stella della Grande Madre, mentre Canopo, la sua doppia e controparte nei cieli meridionali, rappresentava il Grande Padre. Queste due stelle polari - o stelle del mattino, le stelle dell'alba dell'umanità - sono personificate come le gemelle di tutto il mondo, e in particolare, degli indiani Navajo e Tupi-Guarani. In Egitto erano rappresentati da Hathor e Horus (il Vecchio), in Grecia da Castore e Polluce, in India dagli Aswin Twins (Nakula e Sahadeva), in Sumeria da Enkidu e Gilgamesh, e così via.


5 Webster dà il suo etimo come derivato dal Navajo qohan, che significa "casa". Più probabilmente, questa parola è una corruzione di hogan, in origine una parola pueblo derivata dal fogon spagnolo ("forno"), dall'influenza di hogar ("luogo", "casa"). Un tipico hogan navajo ricorda da vicino un forno rotondo, costruito con fango inframmezzato da tronchi di legno, a forma di cupola. Il fogon spagnolo, fuego, hogar, foco, fogata, ecc., Derivano dal focus latino, che significa "camino". E questa parola in definitiva si riferisce all'idea di "fuoco", "vulcano". In definitiva, le parole fogon (o hogon, hogan) si riferiscono direttamente al "vulcano" (latino vulcanus o vulcanus).

Skeatcollega il latino all'ulka sanscrito, che significa "una meteora infuocata". Questi, a loro volta derivano dal Dravida ul-kan che significa "fuoco interiore". Il termine sanscrito è anche legato al loka (o uloka), che significa "luogo" e più esattamente "camino". Inoltre, lo Skt. ulka deriva dal radix ush ("infuocato") del nome di Ushas (Dawn). Ora, Dawn o Aurora è un epiteto spesso usato per designare l'Indonesia come la Terra dell'Aurora. Dawn è anche Vesta (nota come radix ush = vesh), la Dea del Fuoco che si è uccisa in una pira infuocata.

Come possiamo vedere, tutte le cose sono in grado di combinare miti, simboli e nomi in questione, lasciando poco spazio per dubitare della loro origine indù. L'Indonesia è infatti sia l'Isola del Sole che l'Isola del Fuoco, cioè i vulcani, come ben sappiamo. Come abbiamo commentato sopra, il Navajogli hogan imitano lo stesso Whirling Mountain, che chiamano anche Hogan, cioè "Volcano", come abbiamo appena visto.

Un altro etimo curioso è quello del "bucaniere", derivato dal francese boucan, che significa un tipo di forno o caminetto per fumare carne e preparare barbecue. In realtà, la parola boucan è di origine tupiana e caraibica, ed è stata adottata dai bucanieri francesi che infestavano la regione. La parola "barbecue" è anche legata al boucan, essendo derivato dal barbacoa spagnolo, anch'esso una forma corrotta di bar-boucan, che significa un boucano allungato. Forse il nome dei boucaniers allude in definitiva alle loro origini indonesiane, piuttosto che al fatto che usavano i boucani per preparare i barbecue. I malesi indonesiani erano molto temuti pirati nell'antichità, ed è molto più probabile che il loro nome alluda davvero alla loro origine lì, nella terra dei boucani (o boulcans = vulcani).


6 Il monte Kumeru, la montagna decapitata, è la montagna della Dea, così come il Sumeru o Kailasa è la montagna di Shiva, suo marito. La Dea viene spesso chiamata con nomi che significano "montagna", come Giri, Girika, ecc. Come "il Decapitato", Kali, la Grande Madre Nera, è chiamata Chinnamastaka, un termine che significa solo la stessa cosa.

Il monte Meru è la montagna del sole caduto. Questa montagna è la stessa del monte biblico. Sinai, un nome che significa, nelle lingue indù, "la montagna decapitata". La parola deriva dalla Dravida Cin-ai o Cin-ay, che significa "La Montagna del Sole Caduto (o di Shiva)" o, ancora, "la Montagna degli Antenati Decapitati". Questo è lo stesso etimo di quello del Monte. Kinabalu, la montagna più alta e la più santa di tutta l'Indonesia.

Mt. Kinabalu è anche considerato la montagna degli antenati morti e il sito del defunto paradiso. Mt. Kinabalu è letteralmente un butte (o "montagna decapitata"). Il nome deriva dalla Dravida, la Lingua Santa della regione, e significa "La montagna di Spalato" (Kina-palu) o, ancora, "La montagna degli antenati morti" (Kina-paru), esattamente la stessa delle palestre appena dato.


7 "Pure Land" (Shveta-dvipa) è il nome del Paradiso Indù, che significa anche "Terra senza malvagità", esattamente lo stesso etimo di quello della Yvymaraney, il Paradiso dei Guarani Apopocuva del Brasile. Gli indiani, come i Navajo, ottennero i loro miti dall'India e dall'Indonesia primordiali, all'alba dei tempi.Più probabilmente, questi indiani portarono questi miti lungo quando emigrarono nelle Americhe spinte dal cataclisma che spazzò via il loro paradiso incontaminato. si chiamava Aztlan (Atlantis?) dai Maya e si diceva che giacesse in Oriente, la designazione tradizionale dell'Indonesia, la Terra del Sol Levante.

Si prega di notare che non rivendichiamo che gli indiani siano entrati nelle Americhe attraverso l'Oceano Pacifico esclusivamente. Ma i loro civili hanno fatto, come affermano le loro stesse leggende. La maggior parte delle popolazioni amerindie arrivò probabilmente attraverso lo Stretto di Bering, come affermano normalmente gli antropologi nordamericani. Ma una parte sostanziale degli Amerindi - in particolare quelli di una razza bianca come gli Incas, di cui discutiamo altrove - arrivò anche attraverso l'Oceano Pacifico e la Polinesia, fino alle Indie, proprio come facevano gli stessi Polinesiani.

Un'altra fetta sostanziale degli Amerindi arrivò, come affermano Paul Rivet e altri antropologi di nota, attraverso il Polo Sud. Sono venuti dall'Australia, nella punta meridionale del Sud America. In effetti, gli indiani arrivarono da diversi posti e in diverse ondate migratorie giù per gli innumerevoli millenni. L'unità delle razze amerindie è un'illusione, e queste vanno dalle nazioni bionde dagli occhi azzurri ai tipi ramati a quelli quasi melanesiani e negri e dai giganti ai pigmei.

Il nome Kalachakra (o "Ruota del tempo") dato da questo mandala dagli indù e dai buddisti significa anche "Black Whirlpool", un nome che designa il Vadava-mukha, il gigantesco vortice che abbiamo discusso più sopra. Il Vadava-mukha corrisponde alla gigantesca caldera del vulcano Krakatoa, quella che ha distrutto Atlantide. Sicuramente, gli antichi indù e buddisti associavano il loro Paradiso distrutto ad Atlantide. Così fecero anche gli amerindi, che usavano lo stesso simbolismo degli indù nei loro rituali esoterici.

Il nome del Paradiso cambia da luogo a luogo, poiché è stato spesso tradotto nelle lingue locali quando i miti sono stati incorporati alle loro tradizioni religiose. Ma le etimologie sono state conservate o adattate e corrispondono ai soliti miti e tradizioni indù, nomi come "Golden Island", "Island of Fire", "Island of the Sun", "Whirling (o Polar) Mountain" ' , "Skull Mountain", ecc. In particolare, il "Skull Montain" è il Monte. Calvario (o Golgota = "Teschio", in ebraico), la Santa Montagna sulla cui cima Cristo fu crocifisso, secondo le tradizioni cristiane. Il fatto che, come abbiamo visto più sopra, troviamo il mito identico nell'America di America, dovrebbe essere un promemoria per ricordare le nostre origini comuni nella paradisiaca Atlantide (Lemuria), all'alba dei tempi.



ELIMINATO L'IMPOSSIBILE,CIO' CHE RESTA,PER IMPROBABILE CHE SIA,DEVE ESSERE LA VERITA'!

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
NUOVA DISCUSSIONE
 | 
RISPONDI

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:13 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com

Copyright 2008-2021 UFO LINEA DIRETTA Ogni riproduzione totale o parziale alla grafica e ai contenuti esclusivi di questo sito sarà punita a norma di legge. Parte del materiale di UFO LINEA DIRETTA è stato scelto fra il materiale di ufologia disponibile gratuitamente sul web; ogni foto e marchio è dei rispettivi autori. Se ritenete che la nostra azione abbia infranto qualche diritto di copyright siete pregati di comunicarcerlo: provvederemo a rimuovere il materiale. Questo forum non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro). L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.